Fino a cinquant’anni fa nel nostro territorio nel giorno dei morti i bambini diventavano i protagonisti di una questua itinerante per le case; oggi questa usanza si persa,
soppiantata,
in questi ultimi anni, dalla festa di Halloween. Non tutti sanno che
questa festa celtica,
importata dai paesi anglosassoni negli Stati Uniti e da lì diffusasi anche in Italia, ha origini molto antiche.
Con il coinvolgimento della popolazione abbiamo così pensato di organizzare per i bambini due giorni di aggregazione: la festa di Halloween e la questua itinerante per le case.
Per il pomeriggio del 31 ottobre è stato organizzato un laboratorio per la realizzazione di fantasmi, zucche e pipistrelli a scopo decorativo; la serata, animata da giochi a tema, è stata invece inaugurata da una piccola rappresentazione teatrale dove si sono spiegate le origini e il significato della festa celtica.
Il 2 novembre insieme ai bambini abbiamo riproposto la questua itinerante per le case di Zavattarello: bussando di casa in casa i ragazzini hanno trovato ad attenderli anziani signori e signore che, offrendo castagne, torte e caramelle, hanno raccontato come si svolgeva “il dì di mort” tanti anni fa. La giornata si è infine conclusa con un momento di convivialità in cui si sono preparate e mangiante le caldarroste.

SAMAIN