Paolo Cristalli è nato e per nostra fortuna è nato poeta. Prendendo a prestito le parole che Giuseppe Gennari, saggista e traduttore, ha elargito in occasione della pubblicazione della raccolta delle sue poesie e canzoni “Io penso alla strada io penso a Verlaine”(Ed. Rivista Abruzzese, 2003) vale la pena di porre l’accento sul fatto che “…Le poesie di Paolo Cristalli…pongono se stesse come problema- Problema psicologico, anzitutto- Sono opera di un pazzo, per intelligenza e fortuna- Problema paranormale, subito dopo-Sono opera di un indemoniato della poesia…Problema letterario infine- Sono poesie non di carta, fiori fioriti fuori dalla letteratura- E se di poeti oggi non ce ne sono tanti, di poeti non cartacei non ce n’è quasi niente- Non rende poetare fuori dalla tazza-I poeti non di carta sono i Rimbaud di domani- O di mai- Ma certo non sono i poeti incartapecoriti dell’Accademia di poesia Ics Ipsilon Zeta- Insomma vale la pena di leggerle queste poesie non cartacee di Cristalli? Provate- Io l’ho fatto con gusto e amarezza, definendole “fiori”- Spinosi oltre l’apparenza, a carne dolorosa, che annodano la gola-”
Paolo Cristalli è nato nel 1957, e per sua stessa confessione “…Purtroppo non sa quando creperà altrimenti ve lo direbbe volentieri-E’ vero o no?”(Paolo Cristalli)-Un artista “visionario”, le cui parole e versi giacciono in una lontananza irrimediabile “…nel perduto dell’assenza, l’unico luogo dove è possibile l’amore, dove è possibile la poesia…Ed è la logica del sogno che modera le sorti di queste immagini, il corso dei versi. Quasi sempre la logica diurna cede il passo ad una maniera più intima e profonda, ad una logica notturna, prossima all’onnipotenza  della vita onirica o della malattia…”(Federico Buratti).
Un artista “acrobata”, che ha partecipato alla nona edizione del Premio Fabrizio De Andrè“Parlare Musica”2010, istituito alla memoria del noto cantautore genovese, vincendo nella sezione “Poesia”con la lirica “Ma ti pare niente il mare?” Ma vi pare niente Paolo Cristalli? Disegna anche magistralmente!
Leggi la recensione di Mauro Maccario

PAOLO
CRISTALLI